Progettare MULTICOMFORT

Progettare edifici confortevoli, che soddisfino sia elevati requisiti tecnici sia le esigenze delle persone in un determinato contesto ambientale e sociale

Adottare un approccio integrato al comfort, alla salute e al benessere delle persone è la strada da percorrere per progettare e costruire edifici Multi Comfort, qualunque sia la loro funzione e in qualunque clima essi siano localizzati. L’approccio Multi Comfort deve essere assicurato in ogni fase del processo edilizio: dalla progettazione, alla costruzione, all’utilizzo.

Progettare secondo le esigenze degli occupanti

Nelle fasi preliminari del progetto è necessario identificare le aspettative e le priorità degli occupanti in termini di comfort, al fine di evitare possibili conflitti in fase di progettazione avanzata e di costruzione. Le esigenze, infatti, possono variare sensibilmente a seconda della funzione dell’edificio, dell’età, delle condizioni fisiche e psicologiche degli occupanti, del clima e della cultura. Il progettista tradurrà poi le esigenze di comfort degli occupanti in obiettivi specifici di prestazioni termiche, acustiche, di illuminazione e di qualità dell'aria. Redigerà infine il capitolato e specificherà i sistemi costruttivi e i materiali da installare in base agli obiettivi da raggiungere.

Adottare un approccio integrato involucro/impianto

L'obiettivo di un edificio Multi Comfort è creare un involucro altamente efficiente, che limiti il ​​fabbisogno energetico per riscaldamento, raffrescamento, ventilazione, acqua calda, e illuminazione artificiale. L'involucro ad alte prestazioni dovrà essere integrato, ove necessario, da fonti di energia rinnovabile. Fondamentale sarà anche l’integrazione con impianti ad elevata efficienza energetica, sistemi domotici e di automazione per una corretta gestione dell’energia. Infine, per raggiungere l'obiettivo di bassi consumi energetici, è raccomandata l’installazione di apparecchi ad alta efficienza (ad esempio lavatrici e lavastoviglie in classe A+++).

Valutare e monitorare il comfort dell’edificio

Un progetto Multi Comfort prevede una valutazione estensiva, basata sia su metodi diagnostici e misurazioni in situ, sia sulla percezione umana. Saint-Gobain ha definito specifici descrittori del comfort e ha sviluppato quattro famiglie di strumenti per verificare in modo rigoroso e scientifico che l’edificio raggiunga gli standard Multi Comfort prefissati: 
 

  • Strumenti di modellazione per la fase di progettazione: durante la fase di progettazione si utilizzano software e modelli per prevedere le prestazioni energetiche e la qualità ambientale interna in base alla configurazione dell'edificio e alle scelte previste per involucro e impianti.
  • Strumenti diagnostici per la fase di costruzione:  questi strumenti vengono utilizzati per osservazioni e misure in opera  della durata di pochi giorni e servono a caratterizzare l'edificio alla fine della fase di costruzione e poco prima del suo utilizzo, la cosiddetta fase «as built». Tali misure possono essere ripetute durante la vita dell'edificio per seguirne le prestazioni nel tempo.
  • Strumenti quantitativi di monitoraggio per la fase di utilizzo: in questa fase si registrano e si analizzano in modo costante i dati di interesse relativi alle prestazioni dell’edificio (ad esempio consumo e produzione di energia, temperatura e umidità interne, livelli di CO2 e VOC).
  • Strumenti qualitativi di monitoraggio: gli occupanti vengono intervistati sia in fase di pre-progettazione per capire le loro aspettative, sia durante l'occupazione dell'edificio per qualificare il comfort percepito.
     

​Scopri come progettare comfort termicocomfort acustico, comfort visivo e qualità dell'aria interna