Innovazione ed edilizia ecosostenibile

Un nuovo concetto di spazio abitativo e soluzioni innovative per rendere il mondo un posto migliore.

“Housing is a major challenge because it is the point of entry for economic, social and cultural inclusion. so it must be intrinsically sustainable. 
Cristophe Lalande, Housing Lead Specialist, un-Habitat Nairobi, Kenia.

“Il settore dell’edilizia è diventato anch’esso una grande sfida, in quanto rappresenta una porta d’accesso verso l’inclusione economica, sociale e culturale. Ecco perché deve essere intrisecamente sostenibile.”  
                      Cristophe Lalande, Housing Lead Specialist, un-Habitat Nairobi, Kenia.                               

d

Vivere in armonia con il pianeta oggi significa rinnovare il concetto stesso di edilizia, e fare in modo che anche questo settore punti maggiormente sull’uso responsabile delle risorse, diventi più efficiente dal punto di viste energetico e resistente contro i cambiamenti del clima. Per rendere il mondo un posto migliore e per trasformarlo in una “casa” sostenibile, occorre innanzitutto sviluppare materiali, prodotti e soluzioni che rendano le nostre stesse abitazioni e i nostri uffici più sani, confortevoli e più efficienti in termini di consumi. 


Per Saint-Gobain la sostenibilità nasce dalla progettazione e dalla capacità di prevedere e gestire ogni fase di vita dell’edificio, integrando materiali e soluzioni in grado di ridurre massimo l’impatto ambientale nel tempo e garantire alti livelli di comfort abitativo.

La nostra missione è dunque coniugare comfort e sostenibilità per il benessere di tutti: attraverso l’innovativo programma MULTI COMFORT ci impegniamo per migliorare la salute e la sicurezza di tutti gli stakeholder che vogliano utilizzare i nostri prodotti. Il MULTI COMFORT Saint-Gobain prevede la costruzione o la ristrutturazione di edifici ponendo attenzione agli aspetti di sostenibilità, efficienza energetica e sicurezza, secondo i parametri di comfort termico, acustico, visivo e qualità dell'aria interna. 

 


 

Inoltre, produciamo e distribuiamo materiali per l’edilizia caratterizzati da un’ampia diversificazione, che ci consente di avere una visione ad ampio raggio del mercato attuale. Stiamo lavorando al fine di creare nuove soluzioni integrate che rispondano alle esigenze e alle sfide in diversi ambiti, ad esempio quello scolastico e ospedaliero. In termini di R&S e innovazione, sviluppiamo e testiamo prodotti che rispettino i nuovi requisiti di performance ecosostenibili, ricorrendo a materiali riciclati e di origine naturale. 

 

 

Saint-Gobain si propone come leader nel settore dell’edilizia sostenibile in grado di rispondere in modo decisivo alle sfide globali che la nostra società deve affrontare al giorno d’oggi. Sfruttando a pieno il potenziale del riciclo e della circolarità dei materiali, il nostro obiettivo è quello di sviluppare prodotti e soluzioni a ridotto impatto ambientale che contribuiscano alla creazione di edifici sempre più sostenibili e che durino nel tempo. 

Grande importanza è data all’Analisi del Ciclo di Vita del prodotto (LCA – Life Cycle Assessment): questo studio valuta i flussi di materia ed energia associati alle diverse fasi della vita di un prodotto (estrazione delle materie prime, produzione, utilizzo, smaltimento finale). Obiettivo dell’analisi è valutare gli impatti ambientali associati alle diverse fasi del ciclo di vita del prodotto, al fine di ottimizzare i processi produttivi dal punto di vista della sostenibilità ambientale. 

Strettamente connesso all’Analisi del Ciclo di Vita è l’ottenimento della Certificazione EPD® (Environmental Product Declaration), il cui scopo è comunicare le informazioni ambientali derivanti dallo studio LCA, in un formato e sulla base di regole comuni e predefinite, le PCR (Product Category Rules). Molti prodotti del Gruppo Saint-Gobain sono in possesso di tale Certificazione.

 

 

 

I materiali da costruzione Saint-Gobain, inoltre, sono riconosciuti e soddisfano a pieno i requisiti richiesti dalle principali certificazioni di sostenibilità: lo standard LEED v4.1, che si affianca a quello già esistente LEED v4 e si basa su un sistema di prerequisiti e crediti; il sistema BREEAM (Building Reaserch Establishment Environmental Assessment Method) si basa sulla verifica della progettazione, costruzione e uso dell’immobile; il protocollo WELL, che ha lo scopo di integrare nelle fasi di progetto e costruzione degli edifici gli aspetti connessi alla salute e al benessere delle persone; i Criteri Ambientali Minimi (CAM) del DM 11 ottobre 2017 per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici pubblici.